HomeLotto

Estrazioni del Lotto, dal bambino bendato al computer

Estrazioni del Lotto, dal bambino bendato al computer
Like Tweet Pin it Share Share Email

Non solo il bambino bendato che estrae dall’urna il bussolotto rappresenta un’immagine del lotto nel tempo che fu: dopo soli 10 anni, sono già andate in pensione anche le Venus, le macchine estrazionali ad aria compressa di cui abbiamo parlato in separato articolo.

Dopo aver resistito per oltre 300 anni, la figura del bambino che sceglie le palline metalliche contenenti i lenzuolini dei numeri  era stata soppiantata nel 2005 dalla nuova tecnologia delle macchine  “Venus”.  Si trattava del primo passo verso la completa automatizzazione del gioco, che sarebbe stata completata nel 2009 con l’unificazione sedi estrazionali nei tre poli estrattivi di Milano per le ruote del nord (Milano, Torino, Genova, Venezia) di Roma per le ruote del centro (Cagliari, Firenze, Roma, Nazionale) e di Napoli per le ruote del Sud (comprendenti Napoli, Bari e Palermo).

Dal 2014, però, tutto è nuovamente cambiato. Messe in soffitta le Venus, la recente innovazione tecnologica del gioco a premi più diffuso in Italia ha sostituito  l’estrazione con  la macchina con un computer equipaggiato di software ad estrazione numerica casuale.

Per questo servizio, Lottomatica ha deciso di affidarsi alle competenze informatiche e tecniche della Divisione Ingegneria di HS Company, azienda leader nel settore dei servizi Ict fondata a Montemiletto, che è riuscita ad aggiudicarsi, grazie alla sua competenze ed alla sua professionalità, i lavori di attività a supporto dell’estrazione dei numeri del lotto.

Dietro quinte di uno dei concorsi più gettonati d’Italia ci sarà l’impegno e l’esperienza  di questa azienda made in Irpinia che per la prima volta si troverà a gestire e supportare i servizi per le estrazioni settimanali del lotto. A loro toccherà – tra i vari compiti – gestire i servizi accessori all’estrazione dei numeri, come ad esempio la sorveglianza e la sicurezza delle sale, ma anche assicurare l’agibilità e l’efficienza dei tre siti (Roma, Milano e Napoli) dove si svolge l’attività di estrazione dei numeri fortunati che tre volte a settimana andranno ad allestire le undici ruote sulle quali milioni di italiani scommettono. Non solo, la società appaltatrice dovrà assicurare la perfetta efficienza delle apparecchiature strettamente connesse con l’attività di estrazione dei numeri e fornire il supporto tecnico operativo alla Commissione che svolge l’attività di estrazione.